11.1.05

Tre metri sopra il cielo infuria la polemica

Scrive ElMar:

Ieri il Gruppo s'è diviso in due fazioni l'un contro l'altra armate fino ai denti: l'oggetto del contendere
è stato per l'appunto il libro di Federico Moccia. In sostanza c'era chi (la Kam, la Gi e la Bi-Be per esempio) pur apprezzandolo, si dispiaceva per il finale: "Ma finisce male" e chi al contrario escludeva in toto la possibilità di trovare gradevole la lettura di quello che è stato definito un
romanzo rosa.
Entrambe le correnti hanno poi chiesto la mia opinione.
Dunque:
1. innanzi tutto: avevo già tentato più e più volte di esprimerla, la mia opinione, in mezzo al vocìo generale, ma non era stato praticamente possibile per il frastuono prodotto dallo scontro in atto;
2. poi: non ho letto il libro, e io non mi sento dire ciò che penso di una cosa che non conosco, di un libro che non ho letto
3. se parliamo di un genere, il romanzo rosa, posso dire che non rientra nei miei preferiti (come ho avuto modo di ripetere spesso, leggo solo i Gialli Mondadori)
4. se invece consideriamo il finale, devo dire che personalmente mi sento sollevata se una storia finisce bene, perchè trovo consolante e piacevole identificarsi con personaggi che alla fine hanno sviluppi positivi nelle loro esistenze.
Tutto questo non l'ho potuto dire.
O meglio, ci ho provato: e Keren è subito insorta battendo un metaforico (ma neanche tanto) pugno sul tavolo: "Vogliamo sapere cosa ne pensi tu" e LaTo, rincarando la dose "Lascia stare le classificazioni." Naturalmente a me sembra di averla detta, adesso, la mia opinione: quanto al genere, non è il mio, quanto al finale, mi piacciono i LietiFini, che male c'è? So bene che ci saranno persone che non saranno d'accordo, ma per questo esiste quella cosa meravigliosa chiamata blog, laddove ad ogni post corrisponde la possibilità di commentare. E dunque, dite la vostra babies.
.
Non abbiamo parlato solo del libro di Moccia, anche se su quello abbiamo (hanno) speso molto tempo e molto fiato: Keren ci ha raccontato de "La donna che morì dal ridere" di Ramachandran e Blakeslee, di cui era in lettura un brano riferito ad un caso trattato dagli autori. Si tratta infatti di un libro sui meccanismi neuronali e sugli effetti dei medesimi sulla psiche umana, analizzati attraverso studi di singoli casi clinici, mentre LaTo ha letto "Lo spirito del giardino delle erbacce", un caso di schizofrenia esaminato nell' "L'io diviso. Studio di psichiatria esistenziale" di Ronald David Laing: entrambi i testi hanno suscitato molta attenzione e domande sulle patologie psicotiche, nonchè sul concetto di "madre/famiglia schizofrenogena" che è stato il cardine della psichiatria esistenziale, sorta in Inghilterra negli anni Sessanta e che ha in Laing il suo maggior rappresentante. Keren ha letto il libro di Ramachandran per intero (l'argomento era uno di quelli proposti per la giornata "Random") e LaTo ha preso in prestito "L'io diviso" per leggerselo tutto quanto; il successo maggiore dei temi random l'ha avuto proprio il disagio psicologico/psichiatrico dunque. LaTo s'è soffermata anche sul libro dei regali natalizi di lettura, che le è piaciuto molto: spero proprio che mi venga ad aggiungere il titolo nei commenti a questo post perchè non me lo ricordo più!

Ed ora, la bibliografia D'inverno:

- Il fuoco di San Silvestro, in: Fiabe e leggende di tutto il mondo. Fiabe giapponesi.(Oscar Mondadori 1992). Collocazione: 398.2 GIA

- Un lungo inverno fiorito ed altre storie, di Lidia Ravera (la Tartaruga 2001). Collocazione: NARR RAV LID

- Inverni lontani, di Mario Rigoni Stern (Einaudi 1999). Collocazione: NARR RIG MAR

- Lo Stallo di Natale; in: Fiabe danesi e lapponi (oscar Mondadori 1992). Collocazione: 398.2 LAP 2

- Ragazzi a Natale, di Pier Vittorio Tondelli; in: Italiana. Antologia dei nuovi narratori (Mondadori 1996). Collocazione: N ITA

- Racconto di Natale, in: Il meglio dei racconti, di Dino Buzzati (Osar Narrativa 1989). Collocazione: N BUZ DIN

- La notte di Natale, in: Tutti i racconti - vol.1, di Lev Tolstòj (Mondadori 1991). Collocazione: ND TOL LEV

E adesso, vi racconto una cosa: ieri da me in Aula Didattica è venuta una prima dell'Istituto Romagnosi, la 1° Co.C, insieme all'insegnante, prof.a Paola Cordani, per una lezione propedeutica all'uso della biblioteca; naturalmente ho parlato del Gruppo di Lettura ed ho fatto vedere il blog del Gruppo, illustrandone le caratteristiche principali; in un secondo momento siamo andate a "to browse" = brucare, razzolare, fra i libri della sala a scaffali aperti ed in seguito ho domandato ai/alle ragazzi/e suggerimenti sui libri da scegliere per la giornata dedicata ai temi d'attualità indicati dal Gruppo come prossimo argomento da leggere e discutere.

Sono saltati fuori, in ordine sparso, questi titoli:
- Bruciata viva, di Suad
- Un libro con sottotitolo "Lavorare a 14 anni" di cui non è stato possibile rintracciare il titolo; potrebbe essere sostituito da "Ladri d'infanzia", sempre sul tema dello sfruttamento del lavoro minorile
- Scusate se ho 15 anni, di Zoe Trope (ma chi l'ha citato ha subito aggiunto: però è molto brutto)
- Leggere Lolita a Teheran, di Azar Nafisi: delle 3 copie esistenti nel Polo Bibliotecario piacentino, nessuna è disponibile: tutte sono in prestito.
- L'ultimo libro di Bruno Vespa sulla storia italiana, che la biblioteca però non possiede ancora. Potrebbe essere sostituito da "La grande muraglia" del medesimo autore, sempre sulla storia italiana.
- Piercing e tatuaggio: manipolazioni del corpo in adolescenza, di Gustavo Pietropolli Charmet
- Christiane F: noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino; libro sul problema della droga. Il problema purtroppo rimane, ma il libro, che risale agli anni Ottanta e dal quale è stato tratto un bel film che fra l'altro aveva nella colonna sonora "Heroes" di David Bowie, è decisamente datato.

Per il prossimo incontro, che sarà LUNEDI' 24 GENNAIO ALLE 14.30' IN AULA DIDATTICA, si attendono opinioni e confutazioni sui libri segnalati; e, naturalmente, proposte.



6 Commenti:

At 7:20 PM, Blogger Gruppo di Lettura dice che...

- Bruciata viva, di Suad L'ho letto. Molto bello, davvero molto bello, ma credo che potrebbe rafforzare nella gente i pregiudizi sull'Islam, quindi non lo considero adatto al tema "attualità".
- Un libro con sottotitolo "Lavorare a 14 anni" di cui non è stato possibile rintracciare il titolo; potrebbe essere sostituito da "Ladri d'infanzia", sempre sul tema dello sfruttamento del lavoro minorile Be'...d'accordo, è senz'altro attuale, ma quando io penso a un argomento attuale non penso a questo...!- Scusate se ho 15 anni, di Zoe Trope (ma chi l'ha citato ha subito aggiunto: però è molto brutto)Fa molto adolescenza...>.< - Leggere Lolita a Teheran, di Azar Nafisi Non so ancora di cosa parla, però potrebbe essere interessante- L'ultimo libro di Bruno Vespa sulla storia italiana, che la biblioteca però non possiede ancora. Potrebbe essere sostituito da "La grande muraglia" del medesimo autore, sempre sulla storia italiana. Perchè no?- Piercing e tatuaggio: manipolazioni del corpo in adolescenza, di Gustavo Pietropolli Charmet ...- Christiane F: noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino; Datato

 
At 12:12 PM, Blogger Kat dice che...

E' un libro che non ho letto da cui hanno tratto un film che non ho visto ma conosco i meccanismi per cui è arrivato alla seconda ristampa e il passa parola che c'è stato dietro. Personalmente mi fa sempre piacere quando un autore italiano ha successo, accade troppo raramente.

 
At 2:02 PM, Blogger Gruppo di Lettura dice che...

Kat, non svicolare! Non hai detto niente sull'attualità e relativi libri!
ElMar

 
At 1:47 PM, Blogger Kat dice che...

Va bene, non svicolo. Non apprezzo troppo i libri di attualità, ritengo che per trattare un argomento sia necessario conoscerlo a fondo, da quanti più punti di vista possibili e la storia attuale vista dai contemporanei riesce sempre ad essere parziale e distorta. Tendo a sopportare poco chi pontifica ergendosi a sommo rivelatore di realtà sopite anche se, con il passare degli anni, comincio a guardare con curiosità alle teorie complottistiche.
Contenta ElMar? :P

 
At 8:56 AM, Blogger Gruppo di Lettura dice che...

Teorie complottistiche? Oh. Ah. Uh. Mh?
Bhe sì, per rispondere alla tua domanda, trovo esaustiva ed esauriente la tua risposta EliKat. Ma tuttavia sarebbe di gran lunga meglio se ci fossi tu ad argomentarla dal vivo nel Gruppo. Sob. Giammai fino a Pasqua?
ElMar

 
At 11:11 AM, Blogger Kat dice che...

Temo che fino a quando non ci sarà un lunedì di ferie (o festa comandata) dovrò declinare gli inviti... sigh

 

Posta un commento

<< Home